1. Overture (3:38)
2. Cvalda (4:48)
3. I’ve Seen It All (5:29)
4. Scatterheart (6:39)
5. In The Musicals (4:41)
6. 107 Steps (2:36)
7. New World (4:21)

data di pubblicazione: Settembre 2000
label: One Little Indian
supporti: CD , LP
foto di copertina, artwork: Me Company
video promozionale: webeo diretto da Floria Sigismondi

dancer-in-the-dark-1

Il 2000 ha segnato in modo significativo la carriera di Björk. Il suo periodo di eremitaggio durante la composizione di Homogenic in Spagna era arrivato al suo termine: Björk è adesso pronta per nuove sfide e fra queste l’interpretazione del ruolo di Selma Ježková nella pellicola diretta dall’eccentrico regista danese Lars von Trier. L’album, tuttavia, è concepito non come la colonna sonora del film, come von Trier avrebbe voluto, ma come un omaggio artistico a Selma, ripercorrendo gli stilemi di un vero e proprio musical dove nessuna sbavatura è ammessa. La gestazione di Selmasong, proprio per la sua natura, fu tutt’altro che facile avendo al confronto due estri artistici così estremi in musica e nel cinema. Inutili le battaglie della casa cinematografica Zentropa affinchè l’album fosse la fedele riproduzione dei pezzi eseguiti amatorialmente nel film. Se da un lato Björk aveva ceduto parte della sua libertà artistica per venire incontro alle scelte sadiche di Von Trier relativamente alla storia di Selma, dall’altro nessun compromesso era stato accettato sulla produzione dell’album. Musicalmente l’album rappresenta le ultime battute di Björk in ambito industrial (con richiami a certi remixes tratti da homogenic) grazie al tocco inconfondibile di Mark Bell. Selmasongs rappresenta il culmine e allo stesso tempo la chiusura di una era artistica di Björk: Palma d’oro a Cannes, candidatura all’Oscar per I`ve seen it all (best original song).

Related Projects
We'd love to hear from you!

Start typing and press Enter to search

cd-utopiadrawing9_cd copy
X